Alessandrino Quartiere di Roma

Il Quartiere Alessandrino di Roma si estende su un’area compresa tra la via Prenestina a nord e la via Casilina a sud, situata esternamente alle mura della città. Un territorio, quello del suburbio est, ricco di storia che nasce con gli insediamenti del Paleolitico e prosegue fino ai nostri giorni, quando le tradizionali attività agrarie hanno lasciato il posto a un’intensa opera di urbanizzazione, con quartieri molto popolati alternati ad aree verdi o non ancora edificate.

Tra i molti reperti archeologici che risalgono fino al VI sec. a.C. (la cisterna romana del Parco Alessandrino, i fondi rurali, le ville romane, le catacombe lungo via Casilina o le torri medievali), la sopravvivenza storico archeologica più significativa e visibile è rappresentata indubbiamente dall’acquedotto romano, da cui prende il nome il quartiere stesso: l’Acquedotto Alessandrino (Aqua Alexandrina).

Ultimo in ordine di tempo ad essere edificato nell’epoca romana, l’acquedotto fu costruito dall’imperatore Alessandro Severo alla fine del suo regno (222-235 d.C.) per rifornire d’acqua le terme del Campo Marzio. L’acquedotto, all’epoca, trasportava l’acqua dal pantano Borghese, a Sud della via Prenestina e dell’antica Gabi, e attraversava la valle dell’Aniene e le prime dorsali dei Colli Albani.

La struttura fu utilizzata anche in epoca medioevale (unico acquedotto romano in uso a quel tempo insieme all’Acquedotto Vergine) grazie a una sequenza di torri di guardia che ne proteggevano il funzionamento (come ad es. Tor Tre Teste, Torre Centocelle e la Torre di via degli Olmi). Durante la guerra, infine, e dagli anni ’50 in poi, le sue arcate furono utilizzate dai senzatetto per ricavarne baracche e alloggi precari, poi smantellati negli anni ’70 per provvedere a un esteso intervento di restauro da parte delle Sovrintendenza Comunale Beni Culturali. Per assistere a un significativo e definitivo mutamento di tutta l’area bisogna attendere il 1921 con la creazione del primo nucleo edilizio di Centocelle, unica borgata a Roma antecedente il fascismo. Un’ulteriore espansione urbanistica avvenne in seguito alle demolizioni e allo spostamento nelle borgate degli abitanti del centro storico (1924- 1940) e, in particolare, nel 1935 con il rilascio di licenze edilizie (19 Nuclei Edilizi a Roma) per costruzioni fuori del Piano Regolatore in borgate e frazioni del suburbio e dell’Agro Romano.

Venne così edificata l’area dell’attuale Quartiere Alessandrino in origine priva di servizi (acqua, fogne, luce) e di collegamenti con la città. Nel secondo dopoguerra, poi, le vie Prenestina e Casilina costituirono gli assi principali dell’espansione popolare verso est fino al Piano Regolatore del 1962 che legalizzò sia i Nuclei Edilizi del 1935 sia gli altri sorti successivamente, in tutto o in parte formati da edilizia abusiva consolidata. Una prima importante opera di riqualificazione dell’area risale al 1975 con il Piano di emergenza per la realizzazione di infrastrutture e la demolizione di numerosi borghetti abusivi ai cui abitanti vennero assegnati alloggi di edilizia economica e popolare nei nuovi Piani di zona a Roma.

Più recentemente nel Quartiere Alessandrino sono stati realizzati edifici moderni e vie ampie che ruotano intorno all’asse di viale Palmiro Togliatti (realizzato colmando il fosso di Centocelle), dove spicca, in zona Tor Tre Teste, la nuova chiesa di Dio Padre Misericordioso realizzata nel 2000 dall’architetto americano Richard Meier. Oggi la zona rientra tra le 60 Centralità locali individuate dal Nuovo Piano Regolatore di Roma che costituiscono i nodi per promuovere l’identità locale e processi di qualificazione e modernizzazione della periferia, attraverso la realizzazione di servizi pubblici (come il mercato di via P. Togliatti, la metropolitana C, il centro culturale integrato) e la valorizzazione delle aree verdi presenti.

HOME ALESSANDRINO RISTORANTI ALESSANDRINO PIZZERIE ALESSANDRINO TRATTORIE ALESSANDRINO OSTERIE ALESSANDRINO PUB ALESSANDRINO BIRRERIE ALESSANDRINO BISTROT ALESSANDRINO

Scrivi Recensione

Pubblicato in Alessandrino Roma e Quartieri di Roma